Stamani mi sono decisa,vado in centro a fare spese,prima mi taglio i capelli,un bel colpo e…zac! La testa è nuova,mi sento nuova e ho un appuntamento!
La libreria mi aspetta,varco la soglia e un odore inconfondibile e amato mi corre incontro! Sono pervasa da una leggera euforia! Libri,libri,sono dapperttutto. Li guardo con finto distacco,in realtà avrei voglia di cercare,toccare con le mani le copertine,sentira il frrrr delle pagine quando si scorrono veloci,avvicinarli al naso e respirare la loro essenza!
Un signore sorridente si avvicina”ha trovato qualcosa?” “Sto cercando l’ultimo libro di Erri De Luca,Il contrario di Uno” “Ah” fa lui,”l’ho sentito ieri sera,gli ho chiesto se era disponibile per alcuni incontri col pubblico! Ma sarà difficile,non presenzia volentieri”.
Il cuore mi batteva a 1000 all’ora,non sono riuscita a commentere,ho solo sorriso. Nel frattempo ha preso il libro,l’ha messo in un sacchetto e me l’ha consegnato,ho pagato e…..Mio,era tutto mio! Sono uscita velocemente,appena girato l’angolo,ho tirato fuori il libro e come lui ha scritto in un’altro racconto” Ho girato il foglio sempre alla svelta per proseguire da quel primo rigo,in alto a sinistra”. Ho cominciato a leggere,sentire la sua voce,incurante delle persone che passando magari mi urtavano.Ero in un altro mondo.Mi ha riportato alla realtà ,la sirena di un’ambulanza.Ho chiuso il libro,però non l’ho riposto in borsa,l’ho tenuto stretto in mano. In macchina era vicino a me,sono stata felice.Ora lo leggerò piano piano,per farlo durare più a lungo,le frasi le leggerò tantissime volte per capire anche quello che non è scritto.La vita può essere bella! In questo mondo pieno di superficialità,trovare tanto amore in un libro credo non sia cosa da poco!!
Riferimenti: il mio amore nascosto in un libro



2 Commenti to “La vita può essere bella!”

  1.   CASSANDRO Says:

    Cito a memoria.

    C’è un’ape che se posa
    su un bottone de rosa,
    lo succhia e se ne va.
    Tutto sommato la felicità
    è una piccola cosa.

    Trilussa

  2.   left left Says:

    Posso dirti una cosa? Sai (lo so che non sai, ma fammelo scrivere) quando ero ragazzo vivevo in campagna, mio padre era un agrimensore e dirigeva un campo di agricoltura sperimentale, e alla sera, specialmente nelle afose sere d’estate leggevo. Lo facevo dentro una capanna fatta di Sacchi di grano, cartone e canne. Stavo lì in silenzio a pancia giù con i miei fumetti e con i miei libri. Quando poi la sera il sole superava la vetta del Linas, la montagna più alta della mia zona, tornavo a casa sognante. Ero lì e volevo essere solo lì, anzi vorrei ancora essere dentro quella tenda.

Lascia un commento

Codice di sicurezza: