Domenica 5 Luglio

Siamo usciti da Oslo, una città tranquilla, con poco traffico, grandi
piazze piene di verde.
Anche qui , come in Danimarca, ad ogni angolo di strada c’è uno
spettacolino, li chiamano ” artisti di strada “.
La nostra meta, è stata Holmenkaller, dove si trova il trampolino da sci
più alto del mondo.
E’ bellissimo, è costruito a specchio del piccolo lago Besserud.
Alcuni di noi, sono saliti fino in cima ( metà a piedi su grosse scalinate,
metà in ascensore ) altri, fra i quali noi, siamo rimasti a terra,
facendo molte fotografie panoramiche.
In attesa degli amici, è passato un signore con un cane bianco,
un siberiano. Ho provato tanta commozione.
Subito ho pensato al nostro Zoff, non ho potuto fare a meno di farmi
fotografare con quel bel canone.

Alle 14, di nuovo in marcia per Hamar.

Durante il viaggio ci siamo goduti la vista di mestosi fiordi, spettacolo
insolito e affascinante! E costeggiato anche il lago Miosa, il più
grande della Norvegia.
A Hamar, non abbiamo fatto in tempo per la gita sul battello con
le pale, pazienza, bisogna rispettare una tabella di marcia!
Perciò è inevitabile che qualcosa venga sacrificato!!!

A Lillehammer, una graziosa cittadina, abbiamo fatto una sosta di fortuna.
Luciano ha la febbre,tutta questa umidità prima o poi , doveva colpire qualcuno .
Anche il Condor ha dei problemi di denti.
Vedremo come risolveremo questi imprevisti.

Al mattino tutto sembra ok, Luciano stà meglio, il Condor ha risolto il
problema. Le spese si sono fatte, chi ha voluto telefonare a casa l’ha
fatto con immensa gioia.
Quale emozione sentire la voce della mia mamma…..!Sembrava di essere a due passi da casa!!

Va tutto bene, nella nostra città, fa tanto tanto caldo!!!
 Non abbiamo speso molto, se si considera la distanza,circa 10.000 lire , non molto vero??

Siamo arrivati sui ghiacciai :  spettacolari favolosi .
I ragazzi sono andati a fare un’escursione, in un attimo sono lontanissimi.
Com’è bello vedere quei puntolini colorati, sopra quel bianco accecante!!

7/7 ore 17,31 11° giorno di viaggio.

Dopo abbondanti foto, siamo ripartiti dai ghiacciai.
Andiamo a Tromdei, terza città della Norvegia.
Oggi ci accompagna il sole.
Per l’ora di pranzo, la sosta è stata divertentissima.
Abbiamo trovato un posticino vicino ad un fiume.
I ragazzi hanno pescato, corso, fatto il diavolo a quattro.
Noi donne, ci siamo messe a lavare nel fiume!!!!!!
Pareva che il tempo si fosse fermato, come è stato bello!
In più, sono stati festeggiati due compleanni, uno del figlio di
sparviero ( 10 anni), l’altro la nipote del condor ( 15 anni ).
Il tempo è volato, siamo di nuovo in viaggio.

8/7 ore 17,37.

Fermi a Trondheim, graziosa e accogliente cittadina.
Caratteristica di questa città, sono le casine a palafitta, l’una accanto
all’altra, tutte colorate di un bel rosso brillante.
Peccato che le cose visitate da noi, siano stati l’ospedale e la
farmacia.
Ieri sera, quando giungemmo qui, il mio Luciano, aveva una forte febbre.
Nadia del condor era semi immobilizzata dall’ernia al disco, Cristina di
Crissandra,visto che si è tagliata con del filo spinato rugginoso, doveva
fare il vaccino del tetano.
Eravamo tristi e preoccupati.
In ospedale non hanno fatto molto: a Nadia, hanno confermato l’uso dei medicinali da me prestati, a Luciano ( il nome del nostro camper è Vagabondo), hanno consigliato alcune analisi ( che lui al solito, non vuol fare ) e a Cristina, si sono limitati ad una bella disinfezione perché qua non usa il vaccino.Forse lo daranno in casi eccezionali….

La notte non ha portato miglioramenti, Luciano stamani ha un febbrone,
circa 39° gradi. Puoi immaginare il mio stato d’animo.
Verso le 9, Maurizio e Piero, hanno accompagnato Luciano, di nuovo in ospedale.
Finalmente tre medici si sono occupati di lui!!
Gli hanno fatto le analisi dovute, diagnosticato un’intossicazione virale,
con le medicine giuste ed una dieta appropriata, dovrebbe rimettersi presto. Mamma mia che spavento vederlo cosi’ sofferente a cosi’ tanti km lontani da casa !!!!!

Però non era ancora finita , mentre erano all’osprdale , Robj è venuto a dirci che sua moglie Cristina , aveva dei problemi ai denti ……! Cosi’ sono andati a cercare un dentista , e fino a domani , non potremo allontanarci dalla città.
Tutti siamo concordi nel dire che la sfortuna ci perseguita .



2 Commenti to “Appunti di viaggio /4”

  1.   vitty Says:

    Ho visto…..e ti ho risposto.
    Ciao stella, ci sentiamo!!! vitty.

  2.   Renata Says:

    Acc…che sfortuna!!!
    Che uno del gruppo stia male è già fonte di ansia e preoccupazione, ma se il male colpisce a secchiate…
    beh allora! Qui a Zena diciamo ma che sfiga!!!!!!!
    Ciao Vitty anch’io ti ho scritto una e-mail :-) )

Lascia un commento

Codice di sicurezza: