Questa mattina,aprendo il giornale,ho scoperto di essere un “bastian contrario”,uno spiritaccio (forse perché toscana?!) di contraddizione. Eh ,già…quando ho letto che il vicario generale della diocesi di Pistoia,il vescovo di Prato e il vescovo di Civitavecchia hanno scomunicato ,la festa delle streghe e delle zucche, con parole di fuoco!!! “la festa di Halloween,mina le fondamenta della nostra identità culturale,è tipicamente americana ( non è vero perchè è nata al tempo dei Celti),mina le nostre radici Cristiane.Un pezzo non proprio secondario della nostra cultura è messo in pericolo,anzi, forse è già scomparso e il colpo mortale è inferto non dal solito Islam,ma da quello che si può chiamare neo-paganesimo” Un vero e proprio anatema,non c’è che dire!!! La Chiesa quindi,ci mette in guardia ,dalla visione che questa ricorrenza ci dà della Morte,ridendoci su. Addirittura per il vescovo di Civitavecchia,Halloween,oltre ad essere una consuetudine nettamente pagana,alla quale un cristiano non potrà mai dare il suo assenso ( dunque,anche chi si maschererà rischierà l’interdizione alla Comunione? E vuoi arivedere che fra tanti peccati e peccatori,solo "l’Unto del Signore",in arte "bellachioma"continuerà imperterrito a comunicarsi,come lui stesso ha tenuto a farci sapere in una vecchia intervista a Epoca? Questo,per chi non lo sapesse,è quanto racconta il divorziato del Signore " Sono religioso,cattolico praticante. Ho cinque zie suore,e la domenica un mio cugino sacerdote viene ad Arcore a celebrare messa nella mia cappella privata. La comunione? Sì,mi comunico spesso. Anche perchè se non lo faccio,mia madre mi chiama in disparte e mi rimprovera: "Cos’hai fatto a Dio,che oggi non ti sei comunicato?" Mi domando….nessuno,fra zie,mamma e sacerdote ha pensato di aggiornarlo con una bella lezione di catechismo? Comunque,nessun anatema ho sentito o letto,in risposta a queste affermazioni…) Ci ricorda,sempre il vescovo di Civitavecchia,come la festa sia collegata alla magia,alle stregoneria,se non addirittura alle veglie sataniche!!!! Così dopo Harry Potter si porebbe dire che la Chiesa ha colpito ancora. Chi mi conosce sa bene che questa festa non mi piace. Sento che non mi appartiene,non mi riguarda minimamente. Vedere in giro scheletri,maschere spaventose,giocare e scherzare con i morti,non fa proprio per me. Però di qui a lanciare anatemi…ce ne corre!! Di colpo mi è venuta simpatica. Penso a quelle maestre che parlano in classe della festa delle zucche e poi ci fanno fare i pensierini. Ai negozi,pieni di dolcetti delle streghe,ai ristoranti che allestiscono menù stravaganti,con la speranza di attirare nuovi clienti,visto i momenti di magra che stiamo passando!!! Mi è difficile credere che tutti quanti,dai bimbi agli adulti siano vittime di "consuetudini pagane" o peggio ancora partecipino seppure inconsapevolmente a riti demoniaci. Eppure c’è chi vede le filastrocche come "evocazione delle spirito di morte"i balli di gruppo come iniziazione satanica,e denuncia un’offesa contro il cristianesimo sotto l’apparenza di innocuoi divertimenti. Questa festa ha contagiato ,non solo noi,ma il mondo intero. E’ indubbiamente una grande operazione commerciale. I Satanisti,anche per questo,hanno preso le distanze dai riti "halloweeiani" ( invenzione mia) in apparenza macabri,ma in realtà gioiosi. Al di là di scherzi e battute.questo accanimento della Chiesa è alquanto inquietante,perchè rivela un’aggressività di tipo fondamentalista ,che si collega all’attacco di papa Ratzinger contro il relativismo culturale. C’è da chiedersi se ancora una volta sia stato sferrato un attacco feroce al libero pensiero,illuministico ( grande Voltaire). Dunque Halloween è festa pagana? bene….il Natale è ancora più pagano! Cristo non è mica nato il 25 dicembre? In quella data si celebrava il solstizio d’inverno,e il Natale è una reinterpretazione,in chiave cristiana, della festa della luce. E’ talmente consumistica che negli anni 50,i vescovi francesi fecero fuoco e fiamme contro Babbo natale,considerato un simbolo pagano. Organizzarono persino dei roghi nelle varie parrocchie….come sia finita,lo sappiamo tutti. Mi chiedo perchè la Chiesa si trinceri su posizioni tanto intransigenti. Considerando che la tolleranza verso tutti è sbandierata in ogni occasione e che la frase evangelica " Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te" ,è un pilastro della nostra vita cristiana. Non si capisce quindi,come uomini di chiesa,in questo caso i vescovi di Pistoia,Prato e Civitavecchia,possano esprimersi quasi come ai tempi della Santa Inquisizione " Credi quello che credo io e che tu non puoi credere,altrimenti morrai" in questo caso la pelle è salva…però la scomunica è in agguato! Allora….avete voglia di rischiare? Che faccio…lo dico….?! Vabbè…lo dico! Trick or treat? Dolcetto o scherzetto?!
Riferimenti: Trick or treat?



3 Commenti to “Dopo Harry Potter,tocca ad Halloween!”

  1.   giulia Says:

    anche dopo “il codice da vinci”…e anche il cardinale di genova non ha avuto parole carine nei confronti di halloween,soprattutto dopo che il comune ha stanziato 1800 euro per una festa itinerante con fantasmi e streghe in una circoscrizione genovese.secondo il cardinale quei soldi dovevano essere spesi per i poveri e anche se la festa poteva rappresentare un momento simpatico di aggregazione per tutti e nulla togliere allo spirito religioso di nessuno a lui questo non è interessato.ah come siamo fortunati ad avere la chiesa che sa sempre come spendere bene i “suoi”soldi e insegna anche a noi come farlo!!! ciao sister,buon sabato:))

  2.   Wendy_Vitty Says:

    Eh,si Artur, “il mettere in guardia non significa proibire” ed è assolutamente un “dovere per la Chiesa e lo Stato, per le Famiglie e per tutti noi”. Consigliare di non esagerare è giusto e accettabile,ma non il lanciare anatemi! E dài….è solo una festa mascherata!!!! La Chiesa non dovrebbe perdersi dietro a queste sciocchezze. Nel Medioevo…le leggende delle fate dei boschi,il cui ricordo è mantenuto vivo in certi luoghi di montagna,la chiesa condannò e perseguitò chiunque continuasse a tenere vivo il loro ricordo,così come il dio Pan,dio delle foreste ,con corna,zoccoli e pelo da caprone….lo fecero diventare l’icona del demonio!!!! Questo demonizzare leggende e divertimenti mi sembra esagerato. Non mi risulta che il Signore ci voglia sempre tristi e seriosi.

    Ho portato l’esempio di berlusconi che si comunica ,lo sbandiera ai quattroventi e si auto definisce Unto del Signore. Ecco, di fronte a tanta sfacciataggine, sinceramente mi sarei aspettata magari un richiamo con un semplice “Scherza coi fanti ma lascia stare i santi!”,oppure un anatema in grande stile! tanto da dare un esempio esemplare a tutti. Invece,non solo non fanno questo….ma appoggiano pure le malefatte di questo governo schifoso!!!

    Per me è troppo. Per questo ho sottolineato la stupidera di lanciare anatemi a maghetti e feste mascherate.

    Buonanotte Artur,ho letto nel tuo blog,poesie bellissime! E’ stato un piacere per gli occhi e l’anima! Un abbraccio,ciao.

  3.   Artur Says:

    Le opinioni, spesso distorte dai media, di un singolo prelato non possono colpevolizzare una intera istituzione.
    Come al solito si identifica il particolare col tutto.
    Ovviamente una convinzione religiosa è determinante solo per chi si identifica con quella Religione.
    Inoltre a completare il quadro di una assoluta autodeterminazione, nello specifico della Religione Cristiana, interviene il Libero Arbitrio a sopire anche quelli che sono i piccoli dubbi sulla assoluta libertà di vivere la propria vita.
    Logicamente la Religione, qualsiasi essa sia, determina un codice comportamentale che è sempre soggetto ad interpretazione, ad evoluzione o ad involuzione, secondo i tempi correnti e i cambiamenti nella Società.
    Poi le somme si tireranno alla fine, quando chi non ha una formazione religiosa si è messo l’animo in pace e chi le ha o si è pentito ed ha lo stesso l’animo in pace oppure non si è pentito e lo stesso ha l’animo in pace.
    La sola differenza è l’anima che, per chi non crede, non esiste ed è, invece un problema per chi crede.
    Infine ci sono regole morali che dovrebbero, anzi valgono, sia per chi si professa ateo e per chi si professa credente e, in questo caso, l’inosservanza di tali regole è un delitto verso l’intero Universo.
    Fatta la disgressione che penso non c’entra con il Post, vorrei dire due parole su cio che è davvero grave.
    L’approccio a tutto cio che è esoterico, che abbia una sorta di piattaforma comune col demoniaco o cob i lati oscuri del mondo che ci circonda, presuppone una grande intelligenza e una grande cultura.
    In caso contrario si rischia di commistionare alcune impostazioni morali che possono far ricadere i poveri ignoranti in pratiche poco ortodosse e fautrici di quella mancanza di moralità che ho citato innanzi.
    Basta osservare i fenomeni delle Sette, dei Bambini di Satana, di Scietology o dei Cavalieri di Sion.
    Come d’altra parte non bisogna sottovalutare le infinite chiese evangeliche dei pseudopredicatori statunitensi, oltre ai rituali di tanti indovini, maghi e millantatori che profittano della credulità umana.
    Io, pur essendo un fautore dell’anti pensiero scientifico in quanto do credito a tutto cio che non possa essere dichiarato falso con una seria sperimentazione scientifica, ritengo che tutto sia condivisibile ma deve essere accompagnato sempre con una spiegazione e con gli avvertimenti necessari per una sana assimilazione di problematiche pericolose.
    Il mettere in guardia non significa proibire e, presumo che sia un dovere per la Chiesa, per lo Stato, per la Scuola, per le Famiglie e per tutti noi.

Lascia un commento

Codice di sicurezza: