Articolo taggato “ricordi”

Allora, facciamo finta che il nuovo anno inizi ora con Febbraio. Gennaio è stato solo un mese di prova ! Da dimenticare!
Come l’influenza presa e vissuta a tre. Mica facile curarsi , riguardarsi mentre le esigenze di tutti i giorni vanno avanti con prepotenza. Per alleggerire la situazione mi immaginavo di vivere in casa del profesor Collalto, il cognato di GianBurrasca. Quello che curava le persone ,nel caso specifico la marchesa Sterzi, con delle odiose adenoidi che costringevano a parlare  di naso. Ecco, essendo tutti molto raffreddati, anche noi in casa parlavamo in maniera molto nasale.  A sentir dire ” babba bia ho le bani gelate” e rispondere come se fossimo su un altro pianeta, a me veniva da ridere. Così iniziavo a raccontare di questa marchesa Sterzi e la cura del Collalto , che altro non erano che delle inalazioni. Noi invece, più progrediti, abbiamo usato l’areosol.
Non so Voi, ma in casa non avevano tanta voglia di sentire discorsi. Per me stare in silenzio è un vero castigo. Anche perchè parlando e scherzando, un poco si sdrammatizza ! (continua…)

Comments 18 Commenti »

Anche se non sembra perchè fa ancora tanto caldo ( troppo!!!) siamo entrati nel mese di settembre, mese che ci regalerà il rosseggiante autunno. La stagione, per me, più bella in assoluto, dove la natura ci ammalierà con dei colori magnifici,   meravigliandoci con i suoi magici cambiamenti. L’autunno è bello come la primavera, perchè si guarda, si tocca con mano l’evolversi della natura.

Per i bambini di oggi,settembre significa tornare sui banchi di scuola. Per noi molto più grandi le scuole si aprivano il primo ottobre, regalandoci subito una festa il quattro ottobre,per festeggiare il santo più amato dagli alunni di allora:San Francesco . (continua…)

Comments 13 Commenti »

Di cosa parlo? Di Carosello,  che stasera ,fino al prossimo 28 luglio,andrà di nuovo in onda  su raiuno alle 21,10.E non solo, verrà trasmesso anche da Radio Rai, nelle sale cinematografiche e sul web. Come dicono alla Sipra, la società pubblicitaria della Rai,” sarà un Carosello che va oltre la tv tradizonale, interagendo su diverse piattaforme con un formato multimediale.”
Verrà proposto in una versione più moderna ,più snella,con soli tre spot,invece dei mitici cinque. Anche la musica,una tarantella napoletana del 1825, intitolata Pagliaccio, verrà ri-proposta,forse con qualche nuovo arrangiamento,dall’Orchestra sinfonica della Rai, registrata all’Auditorium “Arturo Toscanini” di Torino.

(continua…)

Comments 9 Commenti »


Sì,veramente bravo!!Ho letto in questi giorni il suo libro ” La casa sopra i Portici” dove racconta la sua storia e la storia della sua famiglia.  Si legge molto bene,brevi e intensi capitoli ,intervallati da vecchie fotografie ingiallite dei suoi cari.

Con delicatezza,piano piano ci fa entrare nella  casa dove vide i suoi genitori sposi e via via lo snodarsi e l’evolversi della famiglia. Pagina dopo pagina  impariamo a conoscere babbo,mamma,fratello ,sorella,nonne,zii, amici, domestiche. Tutti legati da un filo affettuoso che hanno segnato la sua vita . Si ride e un po’ si piange, per gli eventi piacevoli o dolorosi che accompagnano il cammino di ognuno. E’ scritto tutto con molta semplicità, come un amico che racconta le radici della sua Famiglia .

Ed è questo il bello che coinvolge il lettore. Perchè è impossibile  non ritrovarsi in quelle pagine. Tutti noi,prima o poi abbiamo abbandonato la casa paterna. Abbiamo chiuso quella porta  con la consapevolezza che un periodo della nostra vita era inevitabilmente concluso . Ma finchè i genitori erano vivi,tutto poteva sembrare quasi uguale. La casa era lì,la nostra stanza  sempre a posto e bastava davvero poco sentirsi ancora figli.

Tutto cambia,precipita quando la morte porta via i genitori.

Quando c’è l’esigenza di chiudere casa per sempre,di consegnare le chiavi a chi di dovere.

E’ allora,quando cominciamo a fare pulizia,ad aprire cassetti dimenticati,che scopriamo quella fotografia,o uno scritto di tanti anni fa, che ci fanno sentire i nostri cari ancora più vicini.

Questa esperienza l’ho vissuta con mia sorella Elle,quando abbiamo dovuto vuotare la casa di mamma.

Non amavo particolarmente quella casa,ma lì avevo trascorso la mia adolescenza,in quella camera su quel lettino avevo affidato i miei sogni di ragazzina. Quelle stanze erano pieno dell’amore di mamma,della sua voce. Lì,solo lì mi ero sentita al sicuro. Lei era il mio unico punto di riferimento. La mia amica,la mia nemica.

Con Elle abbiamo pianto e abbiamo riso ripercorrendo episodi della nostra vita. Quando abbiamo chiuso per sempre quella porta,sapevamo che non ci saremmo tornate mai più. Tutti i ricordi però erano dentro di noi. Tutta l’essenza della casa
e l’amore che mamma le aveva dedicato,non era persa,c’avrebbe accompagnato sempre,facendoci sentire ancora più unite.

Ringrazio Carlo Verdone per le belle sensazioni che ha saputo trasmettermi,e per la ventata di ricordi che mi hanno  avvolta,facendomi sentire i miei cari ancora accanto a me.

Con vera riconoscenza, Vitty.

Comments 14 Commenti »

Non so se la colpa  è  dell’influenza appena passata. O di questa sensazione di debolezza e desiderio di protezione che mi ha lasciata più fragile,tendente alla nostalgia,che stamani mi ha svegliata col desiderio di tornare a vivere in quel tempo che sembrava tutto bello… (continua…)

Comments 32 Commenti »

Vi ricordate la bella e sensuale canzone della Nannini? Quella che diceva:v211053_4754_21
“Nasce l’alba su di me
mi lascia andare al tuo respiro
e mi accompagno con i ritmi tuoi
ti sento in giro ma dove sei
con tutte quelle essenze che ti dai
non so chi sei non sudi mai sei sempre
[piu lontano
voglio il tuo profumo
uoglio il tuo profumo
voglio il tuo profumo” (continua…)

Comments 29 Commenti »

Gocce di pioggia su di me…  james_christoph2

Magari fossero state gocce…un vero diluvio si è abbattuto in questi giorni su di me,su di noi. Acqua e vento con una tale intensità da lasciare sgomenti. Cercare di ripararsi è stata una battaglia persa! (continua…)

Comments 7 Commenti »

L’arrivo di agosto,quando ero bambina,significava vacanze dalla nonna.r5

Dopo due mesi di mare era giunta l’ora di trascorrere del tempo in campagna.

Tutto aveva un sapore di festa. Già prepararsi la mattina per la partenza mi regalava gioia e eccitazione. Partivamo solo noi tre,mamma,mia sorella Daniela ed io. Babbo restava in città al lavoro,ci avrebbe raggiunto nei fine settimana. (continua…)

Comments 24 Commenti »


Tanto per cambiare , sono in camera di Chiara.
Cerco di fare pulizia sugli scaffali, dove , oltre ai libri, ci sono mille ammennicoli!!!……..Quanti piccoli pupazzini, sorprese Kinder…..ma anche voi collezionate le sorprese Kinder??…..Ho deciso che le metterò in una scatola, caso mai le porterà a Firenze……
Ora anche i libri fanno un’altra figura!!!!
Quanti ne abbiamo letti! Dico abbiamo, perchè quando frequentava le medie,e le davano da leggere alcuni libri, lei non ne aveva molta voglia, così, con santa pazienza, la sera mi sedevo accanto al suo letto e le leggevo qualche capitolo.
Io ero felicissima, mi è sempre piaciuto leggere, nelle fiabe o libri per bambini, cambiavo anche voce, a seconda dei personaggi…..riscuotendo anche un discreto successo! Guai però a cambiare anche una sola virgola, quando capitava che rileggevo una solita fiaba!

Anche ai miei ragazzi in colonia, cercavo di farli addormantare con un racconto.
Una sera erano talmente turbolenti che interruppi la lettura e, con fare minaccioso esclami –Siete veramente impossibili……lo sapete che se fate confusione viene la direttrice e mi fate passare dei guai!!!! Ora vi spengo la luce, così, mentre continuo la lettura vi addormenterete!-…..così feci……..restando a mia volta completamente al buio, e suscitando così
la loro giusta ilarità!! Risi anch’io, però raccontai una fiaba e piano piano la camerata si arrese.

In prima liceo, Chiara studiò ovviamente i Promessi Sposi, per due anni, ha avuto una professoressa di italiano che glieli ha fatti odiare!!
Si rifiutava di leggerli, li trovava pallosi….Certo, quella pro, ad ogni parola pretendeva una relazione!!!!!
Piano piano, leggendo i capitoli insieme, sono riuscita a farglieli amare!
Quando arrivammo allo struggente Addio ai monti, ci ritrovammo tutte due con le lacrime agli occhi!!
Ormai era conquistata, e nelle sue relazioni, prendeva ottimi voti.
Peccato che quella insegnante, la prof. Simini, non riuscisse a trasmettere l’amore per quello che i ragazzi dovevano studiare!
Ora per fortuna ama leggere e legge bei libri, c’è voluta un po’ di pazienza , ma ce l’ho fatta.
Mamma mia……com’è dura, accettare che sarà capace di cavarsela anche senza di me…………

Ciao, sarà meglio che ritorni al mio lavoro di sbarazzamento, e smetta di ricordare!!!!
Buon pomeriggio, da Vitty.

Riferimenti: Addio ,ai monti sorgenti, dall’acque, ed elvati…..

Comments 24 Commenti »

Fontana dei ricordi, amore degli amori!
Tu, tutti i miei piaceri, tu, tutti i miei doveri!
Ti torneranno certo nel cuor le inebrianti
carezze al focolare, l’incanto delle sere,
fontana dei ricordi, amore degli amor!

Le sere illuminate dal rosso dei carboni;
le sere sul balcone, nei crepuscoli rosa:
sì dolce era il tuo seno, sì soave il tuo cuore!
Ci siamo detti spesso eterne cose,
le sere illuminate dal rosso dei carboni.

Quanto sono belli i soli in quelle calde sere!
Com’è profondo il cielo, com’è possente il cuore!
Curvandomi su te, idolo del mio amore,
respiravo il profumo del tuo sangue.
Quanto sono belli i soli in quelle calde sere!

La notte racchiudeva il suo velo di tenebre;
i miei occhi nel buio indovinavano i tuoi,
bevevo il tuo respiro, dolcissimo veleno;
i tuoi piedi prendevano il sonno nelle mie mani
la notte racchiudeva il suo velo di tenebre.

So l’arte di evocare ogni atomo di gioia:
ai sogni del passato son nido i tuoi ginocchi;
oh, perchè mai cercare delizie inebrianti
fuor del tuo corpo bello che da’ l’estasi agli occhi?
So l’arte di evocare ogni atomo di gioia!

Charles Baudelaire.
Riferimenti: sssssss…buonanotte ,sogni d’oro, ciao…..!

Comments 6 Commenti »